Piano Sanitario lavoratori

Il Piano Sanitario si inserisce nell’ambito del rinnovo del CCNL del settore Funerario e rappresenta un’importante occasione per dare risposte alle aspettative e ai bisogni dei dipendenti.

Ricovero in istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)

Per ricovero si intende la degenza in Istituto di cura comportante il pernottamento, il solo intervento di Pronto Soccorso non costituisce ricovero. Qualora l’Iscritto venga ricoverato per effettuare cure mediche o chirurgiche  può godere delle seguenti prestazioni:

Pre-ricovero Esami, accertamenti diagnostici e visite specialistiche effettuati nei 100 giorni precedenti l’inizio del ricovero, purché resi necessari dalla malattia o dall’infortunio che ha determinato il ricovero. La presente copertura viene prestata in forma esclusivamente rimborsuale.
Intervento Chirurgico Onorari del chirurgo, dell’aiuto, dell’assistente, dell’anestesista e di ogni altro soggetto partecipante all’intervento (risultante dal referto operatorio); diritti di sala operatoria e materiale di intervento ivi comprese le endoprotesi.
Assistenza medica, medicinali, cure Prestazioni mediche e infermieristiche, consulenze medico-specialistiche, medicinali, esami, accertamenti diagnostici e trattamenti fisioterapici e riabilitativi durante il periodo di ricovero.
Rette di degenza Non sono comprese in copertura le spese voluttuarie. Nel caso di ricovero in istituto di cura non convenzionato,  le spese sostenute vengono rimborsate nel limite di € 400,00 al giorno.
Accompagnatore Retta di vitto e pernottamento dell’accompagnatore nell’Istituto di cura o in struttura alberghiera. Nel caso di ricovero in istituto di cura non convenzionato, la copertura è prestata nel limite di € 60,00 al giorno per un massimo di 40 giorni per ricovero.
Assistenza infermieristica privata individuale Assistenza infermieristica privata individuale nel limite di € 70,00 al giorno per un massimo di 40 giorni per ricovero. La presente copertura è prestata in forma esclusivamente rimborsuale.
Post-ricovero Esami e accertamenti diagnostici, medicinali, prestazioni mediche, chirurgiche e infermieristiche (queste ultime qualora la richiesta sia certificata al momento delle dimissioni dall’istituto di cura), trattamenti fisioterapici o rieducativi e cure termali (escluse in ogni caso le spese di natura alberghiera), effettuati nei 100 giorni successivi alla cessazione del ricovero, purché resi necessari dalla malattia o dall’infortunio che ha determinato il ricovero. Sono compresi in copertura i medicinali prescritti dal medico curante all’atto delle dimissioni dall’istituto di cura.
In caso di utilizzo di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA ed effettuate da medici convenzionati

Le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di alcun importo a carico dell’Iscritto ad eccezione della copertura “Assistenza infermieristica privata individuale” che prevede specifici limiti.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie non convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora  l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese relative  alle prestazioni effettuate vengono  rimborsate nel limite di un plafond pari a € 12.000,00 per intervento,  ad eccezione delle coperture “Retta di degenza”, “Accompagnatore” e “Assistenza infermieristica privata individuale” che prevedono specifici limiti.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie convenzionate con UniSalute ed effettuate da medici non convenzionati

Tutte le spese relative al ricovero verranno liquidate in forma rimborsuale  con le modalità previste per il ricovero in strutture non convenzionate.

In caso di utilizzo di strutture del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente, nei limiti previsti ai diversi punti, le eventuali spese per trattamento alberghiero o per ticket sanitari rimasti a carico dell’Iscritto durante il ricovero. In questo caso, però, l’Iscritto non potrà beneficiare dell’indennità sostitutiva.

Trasporto sanitario

Il Fondo FASDA rimborsa le spese di trasporto dell’Iscritto in ambulanza, con unità coronarica mobile e con aereo sanitario all’Istituto di cura, di trasferimento da un Istituto di cura ad un altro e di rientro alla propria abitazione con il massimo di € 2.000,00 per ricovero.

Trapianti

Nel caso di trapianto di organi o di parte di essi, il Fondo FASDA rimborsa le spese previste ai paragrafi “Ricovero in Istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)” e “Trasporto sanitario” con i relativi limiti in essi indicati, nonché le spese necessarie per il prelievo dal donatore, comprese quelle per il trasporto dell’organo. Durante il pre-ricovero sono compresi anche i trattamenti farmacologici mirati alla prevenzione del rigetto.

Nel caso di donazione da vivente, la prestazione prevede le spese sostenute per le prestazioni effettuate durante il ricovero relativamente al donatore a titolo di accertamenti diagnostici, assistenza medica e infermieristica, intervento chirurgico, cure, medicinali, rette di degenza.

Pancolonscopia e esofagogastroduodenoscopia operative a seguito di malattia e infortunio

Nel caso di Pancolonscopia ed Esofagogastroduodenoscopia operativa, il Fondo FASDA provvede al pagamento delle spese per le prestazioni previste al punto “Ricovero in Istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)”, con i relativi limiti in essi indicati.

Il limite di spesa annuo a disposizione per la presente copertura è di € 1.000,00 per persona.

Neonati

Il Fondo FASDA provvede al pagamento delle spese per  interventi effettuati nel primo anno di vita del neonato per la correzione di malformazioni congenite, comprese le visite, gli accertamenti diagnostici pre e post intervento, nonché la retta di vitto e di pernottamento dell’accompagnatore nell’istituto di cura o in una struttura alberghiera per il periodo del ricovero,  nel limite annuo di € 13.000,00 per neonato.

Parto e aborto terapeutico e spontaneo

Parto cesareo

In caso di parto cesareo, il Fondo Fasda provvede al pagamento delle spese per le prestazioni previste al paragrafo “Ricovero in Istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)” punti “Intervento chirurgico”, “Assistenza medica, medicinali, cure”, “Retta di degenza”, “Accompagnatore”, “Post-ricovero”, e “Trasporto sanitario” con il relativo limite in esso indicato.

La copertura è prestata fino ad un massimo di € 2.000,00 per anno associativo e per persona, sia in strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo Fasda che in strutture non convenzionate. In questo caso non sono operanti i limiti di spesa previsti alle singole coperture, ad eccezione di quanto previsto per la sola copertura “Trasporto sanitario”.

Parto non cesareo e aborto terapeutico e spontaneo

In caso di parto non cesareo, aborto terapeutico e spontaneo, il Fondo Fasda provvede al pagamento delle spese per le prestazioni di cui ai paragrafi “Ricovero in Istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)” punti “Intervento chirurgico”, “Assistenza medica, medicinali, cure”, “Retta di degenza”; relativamente alle prestazioni “Post-ricovero” vengono garantite due visite di controllo effettuate nel periodo successivo al parto nei limiti previsti al paragrafo “Ricovero in Istituto di cura per grande intervento chirurgico (intendendo per tali quelli elencati al successivo capitolo “Elenco grandi interventi chirurgici”)”, punto “Post- ricovero”, e “Trasporto sanitario” con il relativo limite in esso indicato.

La copertura è prestata fino ad un massimo di € 2.000,00 per anno associativo e per persona, sia in strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo Fasda che in strutture non convenzionate. In questo caso non sono operanti i limiti di spesa previsti alle singole coperture, ad eccezione di quanto previsto per la sola copertura “Trasporto sanitario”.

Ospedalizzazione domiciliare

Il Fondo FASDA, per un periodo di 120 giorni successivo alla data di dimissioni, a seguito di un ricovero indennizzabile dal Piano sanitario e avvenuto successivamente alla data di effetto della copertura, prevede la copertura per servizi di ospedalizzazione domiciliare, di assistenza medica, riabilitativa, infermieristica e farmacologia, tendente al recupero della funzionalità fisica.

  • La presente copertura è operante esclusivamente in caso di utilizzo di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il il Fondo Fasda ed effettuate da medici convenzionati

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse. Verrà concordato il programma medico/riabilitativo con l’Iscritto secondo le prescrizioni dei sanitari che hanno effettuato le dimissioni e con attuazione delle disposizioni contenute nelle stesse.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 10.000,00 per persona.

Indennità sostitutiva per grande intervento chirurgico, parto e aborto

Qualora l’Iscritto non richieda alcun rimborso al Fondo FASDA, né per il ricovero (per grande intervento chirurgico e per parto e aborto terapeutico e spontaneo) né per altra prestazione ad esso connessa, avrà diritto a un’indennità di € 140,00 per ogni giorno di ricovero per un periodo non superiore a 150 giorni per ricovero.

Come già detto, per ricovero si intende la degenza in Istituto di cura comportante pernottamento: questo è il motivo per il quale, al momento del calcolo dell’indennità sostitutiva, si provvede a corrispondere gli importi suindicati per ogni notte trascorsa all’interno dell’Istituto di cura.

Il limite di spesa annuo dell’area ricovero per grande intervento chirurgico

Con limite di spesa annuo si intende una cifra oltre la quale il Piano sanitario o una sua parte non possono rimborsare. Il Piano sanitario prevede quindi un limite di spesa annuo che ammonta a € 120.000,00 per anno associativo per Iscritto. Questo significa che se durante l’anno questa cifra viene raggiunta non vi è più la possibilità di vedersi liquidati o rimborsati ulteriori importi.

Prestazioni di alta specializzazione

Il Fondo FASDA provvede al pagamento delle spese per le seguenti prestazioni extraospedaliere:

Alta diagnostica radiologica (esami stratigrafici e contrastografici) (”anche digitale”)

  • Angiografia
  • Artrografia
  • Broncografia
  • Cistografia
  • Cistouretrografia
  • Clisma opaco
  • Colangiopancreatografia endoscopica retrograda (ERCP)
  • Colangiografia percutanea (PTC)
  • Colangiografia trans Kehr
  • Colecistografia
  • Dacriocistografia/ Dacriocistotac
  • Defecografia
  • Fistolografia
  • Flebografia
  • Fluorangiografia
  • Galattografia
  • lsterosalpingografia
  • Mielografia
  • Retinografia
  • Rx colonna vertebrale
  • Rx esofago con mezzo di contrasto
  • Rx stomaco e duodeno con mezzo di contrasto
  • Rx tenue e colon con mezzo di contrasto
  • Scialografia
  • Splenoportografia
  • Urografia
  • Vesciculodeferentografia
  • Videoangiografia
  • Wirsunggrafia

Accertamenti

  • Ecocardiografia
  • Ecografia
  • Elettroencefalogramma
  • Elettromiografia
  • Mammografia o Mammografia Digitale
  • PET
  • Risonanza Magnetica Nucleare (RMN) (inclusa angio RMN)
  • Scintigrafia
  • Tomografia Assiale Computerizzata (TAC) (anche virtuale)
  • Holter pressorio
  • MOC
  • Amniocentensi per donne maggiori di 35 anni
  • Prelievo dei villi coriali
  • Esofagogastroduedonoscopia diagnostica
  • Pancolonscopia diagnostica
  • Rettoscopia diagnostica
  • Rettosigmoidoscopia diagnostica
  • Tracheobroncoscpia diagnostica
  • Cistoscopia diagnostica

Terapie

  • Chemioterapia
  • Cobaltoterapia
  • Dialisi
  • Radioterapia

N.b.: Nel caso in cui le prestazioni di endoscopia diagnostica si trasformassero in corso di esame in endoscopie operative, il Fondo FASDA garantirà la copertura dell’endoscopia diagnostica mentre la differenza di importo relativa all’atto operatorio rimarrà a carico dell’Iscritto.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto. L’Iscritto dovrà inoltre presentare alla struttura la prescrizione del proprio medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la copia della richiesta del medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la copia della richiesta del medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

La disponibilità annua per la presente copertura è di
€ 10.000,00 per persona.

Visite specialistiche

Il Fondo FASDA provvede al pagamento delle spese per visite specialistiche conseguenti a malattia o a infortunio  con l’esclusione delle visite odontoiatriche e ortodontiche.

Rientra in copertura esclusivamente una prima visita psichiatrica  al fine di accertare la presenza di un’eventuale patologia.

I documenti di spesa (fatture e ricevute) debbono riportare l’indicazione della specialità del medico la quale, ai fini del rimborso, dovrà risultare attinente alla patologia denunciata.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da Unisalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto. L’Iscritto dovrà inoltre presentare alla struttura la prescrizione del proprio medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora  l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la copia della richiesta del medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la copia della richiesta del medico curante contenente la patologia presunta o accertata.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 1.000,00 per persona.

Ticket sanitari per accertamenti diagnostici e Pronto Soccorso

Il Fondo FASDA provvede al rimborso integrale dei ticket sanitari per accertamenti diagnostici (non previsti al paragrafo “Prestazioni di alta specializzazione) effettuati  nel Servizio Sanitario Nazionale.

E’ previsto inoltre il rimborso integrale dei ticket di Pronto Soccorso.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 800,00 per persona.

Pacchetto  maternità

Il Fondo FASDA, con finalità di tutela della maternità, provvede al pagamento delle spese per:

  • 4 visite di controllo ostetrico ginecologico (elevate a 6 in caso di gravidanza a rischio);
  • Ecografie;
  • Analisi chimico cliniche;
  • Amniocentesi e e villocentesi: per le donne dai 35 anni  di età tali prestazioni sono erogabili senza prescrizione, mentre per le donne minori di 35 anni di età sono riconosciute solo nel caso di malformazione famigliare in parenti di 1 grado o nel caso di patologie sospette.
In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 1.200,00 per persona.

Prestazioni di implantologia

In deroga a quanto previsto al capitolo “Casi di non operatività del piano” al punto 3, il Fondo FASDA provvede al pagamento delle prestazioni per impianti osteointegrati e le relative corone fisse.

La copertura opera nel caso di applicazione di un numero di 1, 2, 3 o più impianti, previsti nel medesimo piano di cura. Rientrano in copertura il posizionamento dell’impianto, l’eventuale avulsione, l’elemento definitivo, l’elemento provvisorio e il perno moncone relativi all’impianto/i.

Ai fini liquidativi dovranno essere prodotte, alla struttura sanitaria presso la quale si effettua la prestazione, le radiografie e i referti radiografici precedenti l’installazione dell’impianto/i.

La presente copertura è prestata esclusivamente in caso di utilizzo di strutture sanitarie convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA e prestazioni effettuate da medici convenzionati

Le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse nella misura del 70%. Qualora il costo complessivo delle prestazioni dovesse superare la disponibilità annua prevista, l’importo eccedente dovrà essere versato direttamente dall’Iscritto alla struttura convenzionata.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 2.800,00 per persona.

Viene previsto un sottolimite annuo di € 950,00 nel caso di applicazione di due impianti e sottolimite pari a € 550,00 nel caso di applicazione di un impianto.

Si precisa che, qualora nella medesima annualità associativa, dopo l’applicazione di un impianto si rendesse necessario l’innesto di un secondo impianto, quest’ultimo verrà liquidato nell’ambito del sottolimite di € 950,00 al netto di quanto già autorizzato o liquidato.

Avulsione fino ad un massimo di 4 denti (solo se resa necessaria da una prestazione di implantologia)

In deroga a quanto previsto al capitolo “Casi di non operatività del piano” al punto 3, il Fondo FASDA provvede al pagamento delle prestazioni di avulsione (estrazione) fino ad un massimo di 4 denti l’anno.

Ai fini liquidativi dovranno essere prodotte, alla struttura sanitaria presso la quale si effettua la prestazione, le radiografie e i referti radiografici precedenti e successivi l’effettuazione della prestazione.

La presente copertura è prestata esclusivamente in caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse. Qualora il costo complessivo delle prestazioni dovesse superare la disponibilità annua prevista, l’importo eccedente dovrà essere versato direttamente dall’Iscritto alla struttura convenzionata.

Cure dentarie da infortunio

In deroga a quanto previsto al capitolo “Casi di non operatività del piano” al punto 3, il Fondo FASDA liquida all’Iscritto le spese sostenute per prestazioni odontoiatriche e ortodontiche a seguito di infortunio.

La documentazione sanitaria necessaria per ottenere la liquidazione delle prestazioni effettuate consiste in:

  • radiografie e referti radiologici
  • referto di Pronto Soccorso con specifica indicazione del trauma e dell’evidenza obiettiva dello stesso, allegando eventuali consulenze specialistiche ed esami strumentali.
In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora  l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 500,00 per persona.

Interventi chirurgici odontoiatrici extraricovero

In deroga a quanto previsto al capitolo “Casi di non operatività del piano” al punto 3, il Fondo FASDA liquida le spese sostenute per gli interventi chirurgici conseguenti alle seguenti patologie compresi gli interventi di implantologia dentale anche se successivi ad interventi chirurgici avvenuti fuori dalla copertura purché anch’essi conseguenti alle seguenti patologie:

  • adamantinoma
  • ascesso dentario da strumento endoodontico endocanalare
  • cisti follicolari
  • cisti radicolari
  • odontoma
  • osteiti che coinvolgano almeno un terzo dell’osso mascellare o mandibolare

Per l’attivazione della copertura è necessaria una prescrizione medica contenente il quesito diagnostico o la patologia che ha reso necessaria  la prestazione stessa.

La documentazione sanitaria necessaria per ottenere il rimborso delle spese sostenute consiste in:

  • radiografie e referti radiologici per osteiti mascellari e ascesso dentario in presenza di strumento endodontico nel lume canalare, rilasciati da Medico Chirurgo specialista in Radiodiagnostica;
  • radiografie, referti radiologici rilasciati da Medico Chirurgo specialista in Radiodiagnostica e referti istologici rilasciati da Medico Chirurgo specialista in Anatomia Patologica, per cisti follicolari e cisti radicolari, adamantinoma, odontoma
In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora  l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 2.000,00 per persona.

Prestazioni odontoiatriche particolari

In deroga a quanto previsto al capitolo “Casi di non operatività del piano” al punto 3, il Fondo Fasda provvede al pagamento, nella misura del 70%, del “pacchetto” di prestazioni odontoiatriche particolari (fruibile una volta l’anno in strutture sanitarie convenzionate da Unisalute per il Fondo Fasda indicate dalla Centrale Operativa previa prenotazione).

Le prestazioni che costituiscono il “pacchetto” sotto indicate sono nate per monitorare l’eventuale esistenza di stati patologici, ancorché non ancora conclamati, e si prevede siano particolarmente opportune per soggetti che abbiano sviluppato casi di familiarità.

  • Ablazione del tartaro con eventuale visita di controllo mediante utilizzo di ultrasuoni, o in alternativa, qualora si rendesse
    necessario, mediante il ricorso ad un altro tipo di trattamento per l’igiene orale.

Qualora, a causa della particolare condizione clinica e/o patologica dell’Iscritto, il medico della struttura convenzionata riscontri, in accordo con il Fondo Fasda, la necessità di effettuare una seconda seduta di ablazione del tartaro nell’arco dello stesso anno associativo, il Fondo Fasda attraverso UniSalute provvederà ad autorizzare e liquidare la stessa nei limiti sopra indicati.
Restano invece a carico dell’Iscritto, se richieste, ulteriori prestazioni, quali, ad esempio, la fluorazione, la levigatura delle radici, la levigatura dei solchi ecc.

Pacchetto salute

Il Fondo Fasda provvede al pagamento delle prestazioni sotto elencate effettuate una volta l’anno in strutture sanitarie convenzionate da Unisalute per il Fondo Fasda previa prenotazione.
Le prestazioni previste, nate per monitorare l’eventuale esistenza di stati patologici, ancorché non ancora conclamati, si prevede siano particolarmente opportune per soggetti che abbiano sviluppato casi di familiarità. Le prestazioni previste devono essere effettuate in un’unica soluzione.

  • Alanina aminotransferasi ALT
  • Aspartato Aminotransferasi AST
  • colesterolo HDL
  • colesterolo totale
  • creatinina
  • esame emocromocitometrico e morfologico completo
  • gamma GT
  • glicemia
  • trigliceridi
  • tempo di tromboplastina parziale (PTT)
  • tempo di protrombina (PT)
  • urea
  • VES
  • PSA (Specifico antigene prostatico) + PSA free
  • Urine; esame chimico, fisico e microscopico
  • Feci: Ricerca del sangue occulto
  • Pap test
  • Visita specialistica cardiologica con elettrocardiogramma di base (ECG)

Trattamenti fisioterapici riabilitativi

Il Fondo FASDA provvede al pagamento delle spese per i trattamenti fisioterapici, a seguito di malattia o infortunio, esclusivamente a fini riabilitativi, sempreché siano prescritti da medico “di base” o da specialista la cui specializzazione sia inerente alla patologia denunciata e siano effettuate da personale medico o paramedico abilitato in terapia della riabilitazione il cui titolo dovrà essere comprovato dal documento di spesa.

Sono escluse dalla copertura prestazioni quali linfodrenaggio, pressoterapia e shiatsu. È prevista l’agopuntura effettuata anche a fini antalgici.

Non rientrano in copertura prestazioni effettuate presso palestre, club ginnico-sportivi, studi estetici, alberghi salute, medical hotel, centri benessere anche se con annesso centro medico.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie e di personale convenzionato da UniSalute per il Fondo FASDA

Le spese per le prestazioni erogate all’Iscritto vengono liquidate direttamente dal Fondo FASDA, per il tramite di UniSalute, alle strutture stesse, senza l’applicazione di importi a carico dell’Iscritto. L’Iscritto dovrà presentare alla struttura la prescrizione del proprio medico curante contenente la patologia.

In caso di utilizzo di strutture sanitarie o personale non convenzionato

La presente modalità di erogazione delle prestazioni è operante esclusivamente qualora  l’Iscritto fosse domiciliato in una provincia priva di strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA.

Le spese sostenute vengono rimborsate integralmente. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la copia della richiesta del medico curante contenente la patologia.

In caso di utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale

Il Fondo FASDA rimborsa integralmente i ticket sanitari a carico dell’Iscritto. Per ottenere il rimborso da parte del Fondo FASDA, è necessario che l’Iscritto alleghi alla copia della fattura la della richiesta del medico curante contenente la patologia.

La disponibilità annua per la presente copertura
è di € 350,00 per persona.

Sindrome metabolica

Per attivare la copertura l’Iscritto dovrà compilare il questionario raggiungibile cliccando su www.unisalute.it e “confermare il suo invio”.

Il Fondo FASDA provvederà ad analizzarne i contenuti ed entro 2 giorni comunicherà all’Iscritto l’esito delle valutazione tramite email mettendo a disposizione le informazioni sull’area riservata accessibile tramite username e password.

Il Fondo FASDA fornirà all’Iscritto indipendentemente dallo stato risultante dal questionario alcune indicazioni per consentirgli di assumere comportamenti e stili di vita più corretti in merito ad attività fisica ed alimentazione anche attraverso un regime dietetico personalizzato.

Il Fondo FASDA comunicherà l’esito della verifica e metterà a disposizione le informazioni sull’area riservata accessibile tramite username e password. L’Iscritto verrà contattato (via email, sms o telefono) periodicamente per compiere delle verifiche sulla effettiva applicazione delle indicazioni fornite.

Solo nel caso in cui l’Iscritto si trovi in uno stato di Sindrome Metabolica “non conclamata”, poiché gli indicatori del rischio di Sindrome Metabolica devono essere regolarmente monitorati, il Fondo FASDA provvederà all’organizzazione e al pagamento delle prestazioni sotto indicate da effettuarsi con cadenza semestrale in strutture sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA indicate dalla Centrale Operativa previa prenotazione.

  • colesterolo HDL                        
  • colesterolo totale                      
  • glicemia                                    
  • trigliceridi                                 

Al fine di incentivare l’Iscritto ad effettuare il percorso prevenzione, sarà attivata anche una cartella medica online personale in cui egli potrà registrare questi parametri.

La presente copertura verrà prestata fino alla scadenza del Piano sanitario a partire dalla data di compilazione del questionario presente nel sito www.unisalute.it.

Eventuali visite o accertamenti che si rendessero successivamente necessari potranno essere fruiti dall’Iscritto attraverso le strutture sanitarie convenzionate da Unisalute per il Fondo FASDA.

Qualora tali prestazioni rientrino tra quelle in copertura, le stesse verranno erogate nel rispetto delle modalità liquidative di cui al relativo paragrafo. Se invece tali prestazioni non dovessero rientrare tra quelle in copertura, all’Iscritto verrà fornito un servizio di “fax-assistito” che gli consentirà di accedere alle strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA a tariffe agevolate, mantenendo i costi a proprio carico.

Diagnosi comparativa

Il Fondo FASDA dà la possibilità all’Iscritto di avere un secondo e qualificato parere sulla precedente diagnosi fatta dal proprio medico, con le indicazioni terapeutiche più utili per trattare la patologia in atto.

Telefonando al numero verde della Centrale Operativa 800-009632, l’Iscritto verrà informato sulla procedura da attivare per ottenere la prestazione.

Il Fondo FASDA mette a disposizione dell’Iscritto i seguenti servizi:

  1. Consulenza Internazionale. Il Fondo FASDA rilascerà all’Iscritto un referto scritto contenente le indicazioni di un medico specialista individuato da Best Doctors® e la cui specialità risulti appropriata al caso. Tale referto sarà redatto in base all’analisi della documentazione sanitaria richiesta per ricostruire la diagnosi e conterrà specifiche informazioni riguardanti il curriculum del medico interpellato.
  2. Trova Il Medico. Il Fondo FASDA, attraverso Best Doctors®, metterà in contatto l’Iscritto con un massimo di tre specialisti scelti tra i più qualificati nel trattamento della patologia in atto. A tal fine Best Doctors® ricerca nel suo database e identifica gli specialisti con una particolare competenza nel trattamento della malattia, tenendo conto, quando possibile, delle preferenze geografiche dell’Iscritto.
  3. Trova la Miglior Cura. Qualora l’Iscritto intenda avvalersi di uno dei medici segnalati da UniSalute per il Fondo FASDA, la stessa, attraverso Best Doctors®, provvederà a fissare tutti gli appuntamenti e a prendere gli accordi per l’accettazione presso l’Istituto di cura, l’alloggio in albergo, il trasporto in automobile o ambulanza dell’Iscritto laddove necessario. Best Doctors® supervisionerà il pagamento delle fatture/ricevute e garantirà che la fatturazione sia corretta e priva di duplicazioni, errori e abusi. L’esclusiva rete di centri di eccellenza di Best Doctors® consentirà all’Iscritto di godere di sconti significativi sulle tariffe mediche.

L’insieme delle prestazioni sopraindicate è fornito esclusivamente per le seguenti patologie:

  • AIDS
  • Morbo di Alzheimer
  • Perdita della vista
  • Cancro
  • Coma
  • Malattie cardiovascolari
  • Perdita dell’udito
  • Insufficienza renale
  • Perdita della parola
  • Trapianto di organo
  • Patologia neuro motoria
  • Sclerosi multipla
  • Paralisi
  • Morbo di Parkinson
  • Infarto
  • Ictus
  • Ustioni Gravi

Per l’attivazione della copertura, l’Iscritto dovrà contattare la Centrale Operativa e concordare con il medico la documentazione necessaria; dovrà poi inviare la documentazione clinica in Suo possesso, richiesta dal Fondo FASDA, in relazione alla specifica patologia per la quale viene richiesta la diagnosi comparativa. Tale documentazione sarà poi inoltrata dal Fondo FASDA, con costi a proprio carico, ai consulenti medici esterni per l’individuazione del miglior terapeuta italiano o estero per quella specifica patologia.

Stati di non autosufficienza consolidata/permanente

Oggetto della copertura

In deroga a quanto previsto al capitolo 7 “Casi di non operatività del piano” al punto 7, il Fondo FASDA, nel limite della somma mensile prevista al paragrafo “Somma mensile garantita”, garantisce attraverso la propria rete di strutture convenzionate l’erogazione di prestazioni sanitarie e/o socio assistenziali e, in caso di permanenza in RSA, il rimborso delle spese sostenute secondo quanto indicato nel successivo paragrafo “Piano assistenziale individualizzato (PAI) e prestazioni sanitarie medico assistenziali fornite da strutture convenzionate/rimborso spese in caso di permanenza in RSA” punto  4), sempre che sia comprovata tra le parti la sopravvenuta non autosufficienza dell’Iscritto.

Condizioni di associabilità

Ai fini dell’operatività della copertura, gli Iscritti devono rientrare nelle seguenti condizioni di associabilità:

  1. Non avere  bisogno dell’aiuto di un terzo per compiere quotidianamente uno o più delle attività di vita di seguito indicate:
  • Lavarsi
  • Vestirsi e svestirsi
  • Andare al bagno e usarlo
  • Spostarsi
  • Continenza
  • Nutrirsi


2. Non essere in diritto, aver richiesto o essere stato riconosciuto invalido civile nella misura di almeno il 40%.

3. Non essere affette dalla malattia di Alzheimer, di Parkinson e Parkinsonismi, dalla sclerosi a placche, dalla sclerosi laterale amiotrofica, da demenze su base vascolare acute e croniche o da diabete complicato da neuropatie e/o angiopatie o da ipertensione non controllata (intendendosi per tale quelle forme particolari di ipertensione che, nonostante l’assunzione di farmaci ipertensivi, mantengono valori di pressione particolarmente elevati sui quali non è possibile intervenire clinicamente) o controllabile solo con l’assunzione di almeno 3 farmaci.

4. Non essere affette da tossicodipendenza da sostanze stupefacenti o farmacologiche, alcolismo, HIV, epatite cronica.

Somma mensile garantita

Nel caso in cui l’Iscritto si trovi nelle condizioni indicate al successivo punto “Definizione dello stato di non autosufficienza”, la somma mensile garantita per il complesso delle coperture sotto indicate, corrisponde a € 500,00 per un massimo di quattro anni.

Definizione dello stato di autosufficienza

Viene riconosciuto in stato di non autosufficienza l’Iscritto il cui stato clinico venga giudicato consolidato e che si trovi nell’impossibilità fisica totale e permanente di poter effettuare da solo  parte degli atti elementari di vita quotidiana:

  • Lavarsi
  • Vestirsi e svestirsi
  • Andare al bagno e usarlo
  • Spostarsi
  • Continenza
  • Nutrirsi

Per ogni attività viene constatato il grado di autonomia dell’Iscritto nel suo compimento ed assegnato un punteggio secondo lo schema  di seguito riportato.

L’insorgenza dello stato di non autosufficienza permanente viene riconosciuto quando la somma dei punteggi raggiunge almeno 40 punti (per la definizione del punteggio si veda il seguente “Schema per l’accertamento dell’insorgere di non autosufficienza”).

SCHEMA PER L’ACCERTAMENTO DELL’INSORGERE DI NON AUTOSUFFICIENZA – ATTI ELEMENTARI DELLA VITA QUOTIDIANA

LAVARSI PUNTEGGIO

1° grado

L’Iscritto è in grado di farsi il bagno e/o la doccia in modo completamente Autonomo

0

2° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per entrare nella e/o uscire dalla vasca da bagno

5

3° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per entrare nella e/o uscire dalla vasca da bagno e durante l’attività stessa del farsi il bagno

10
VESTIRSI E SVESTIRSI PUNTEGGIO

1° grado

L’Iscritto è in grado di vestirsi e svestirsi in modo completamente autonomo

0

2° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per vestirsi e/o svestirsi la parte superiore o la parte inferiore del corpo e/o per applicare/togliere una protesi

5

3° grado

L’Iscritto necessita sia per la parte superiore del corpo sia per la parte inferiore del corpo di assistenza per vestirsi e/o svestirsi e/o applicare/togliere una protesi

10
ANDARE AL BAGNO E USARLO PUNTEGGIO

1°grado

L’Iscritto è in grado di svolgere autonomamente e senza assistenza da parte

di terzi seguenti gruppi di attività identificati con 1, 2 e 3:

(1) andare in bagno

(2) lavarsi, lavarsi i denti, pettinarsi, asciugarsi, radersi

(3) effettuare atti di igiene personale dopo essere andato in bagno

0

2° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per almeno uno e al massimo due dei suindicati gruppi di attività 1, 2 e 3

5

3° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per tutti i sopra indicati gruppi di attività 1, 2 e 3

10
SPOSTARSI PUNTEGGIO

1° grado

l’Iscritto è in grado di muoversi autonomamente all’interno della residenza abituale anche con l’utilizzo di protesi

0

2° grado  

l’Iscritto è in grado di muoversi  all’interno della residenza abituale solo con l’utilizzo di ausili, come per esempio sedia a rotelle o deambulatore      

5

3° grado

l’Iscritto è in grado di muoversi  all’interno della residenza abituale solo con l’assistenza di terzi

10
CONTINENZA PUNTEGGIO

1° grado

L’Iscritto è completamente continente

0

2° grado

L’Iscritto presenta incontinenza di urina o feci al massimo una volta al giorno

5

3° grado

L’Iscritto è completamente incontinente e vengono utilizzati aiuti tecnici come catetere o colostomia

10
NUTRIRSI PUNTEGGIO

1° grado

L’Iscritto è completamente e autonomamente in grado di consumare bevande e cibi preparati e serviti

0

2° grado

L’Iscritto necessita di assistenza per una o più delle seguenti attività preparatorie:

• sminuzzare/tagliare cibo

• sbucciare la frutta

• aprire un contenitore/una scatola

• versare bevande nel bicchiere

5

3° grado

L’Iscritto non è in grado di bere autonomamente dal bicchiere e mangiare dal

piatto. Fa parte di questa categoria l’alimentazione artificiale

10

Piano assistenziale individualizzato (PAI) e prestazioni sanitarie medico assistenziali fornite da strutture convenzionate da Unisalute per il Fondo FASDA/spese in caso di permanenza in RSA

L’amministratore di sostegno, il tutore legale o il familiare preposto alla cura dell’Iscritto o l’Iscritto stesso, qualora quest’ultimo si trovi in uno stato di non autosufficienza come definito nel Piano sanitario, dovrà telefonare al numero verde 800-009632 attivo tutti i giorni 24 ore su 24 (o dall’estero numero non gratuito composto dal prefisso internazionale per l’Italia + 0516389048) e fornire le informazioni richiese per poter fruire, nell’ambito della disponibilità mensile prevista e previa valutazione del Fondo FASDA, delle prestazioni e consulenze, di natura sanitaria e non, di cui ai punti seguenti, secondo le modalità ivi descritte.

Il Fondo FASDA intervistando telefonicamente l’Iscritto, l’amministratore di sostegno, il tutore legale  o il familiare preposto alla cura dell’Iscritto, valuterà la richiesta pervenuta ed effettuerà una prima valutazione del caso. In questa fase, qualora il Fondo FASDA valuti che vi siano i presupposti, potranno essere fornite dal Case Manager informazioni sui servizi socio-sanitari erogati dalle strutture socio assistenziali e indicazioni sugli uffici deputati ad offrire assistenza a fronte di condizioni di non autosufficienza. Il Case manager provvede inoltre ad inviare all’Iscritto una guida orientativa per le agevolazioni socio/gestionali.

A seguito del contatto telefonico l’Iscritto, l’amministratore di sostegno o il tutore legale  o il familiare preposto alla cura dell’Iscritto, dovrà produrre idonea documentazione. Sulla base delle informazioni acquisite telefonicamente e della valutazione della documentazione sanitaria pervenuta, il Fondo FASDA si riserva la facoltà di organizzare una visita domiciliare allo scopo di confermare o meno lo stato di non autosufficienza, alla presenza anche del proprio Medico e del Case Manager.

Nel caso in cui il Fondo FASDA riconosca lo stato di non autosufficienza consolidato

All’Iscritto verrà fornito un numero verde specifico attivo 24 ore su 24; il Case Manager  eseguirà una valutazione multidimensionale allo scopo di redigere il PAI, integrato con l’indicazione dei servizi assistenziali forniti dagli Enti pubblici (Regioni, Comuni, ASL) e consegnerà all’Iscritto una guida orientativa, contenente informazioni rispetto al comune di residenza, risposte a quesiti  e a necessità espresse dall’Iscritto o dai familiari.

Qualora l’Iscritto necessitasse di una o più prestazioni tra quelle sotto elencate, il Fondo FASDA, nei limiti della disponibilità mensile, provvederà a prenotare, autorizzare e liquidare le prestazioni che verranno effettuate sia al domicilio dell’Iscritto che nelle strutture stesse.

All’Iscritto verrà fornita una lettera con l’indicazione delle prestazioni che sono state concordate. In tale documento sarà indicato in modo analitico l’elenco delle prestazioni che resteranno a carico del Fondo FASDA, quelle che verranno erogate con tariffe agevolate il cui costo rimarrà a carico dell’Iscritto e quelle eventualmente rifiutate dall’Iscritto. Questo documento dovrà essere firmato dall’Iscritto, dall’amministratore di sostegno o tutore legale o  dal familiare preposto alla cura dell’Iscritto, per accettazione del PAI.

Di seguito le prestazioni erogabili a seguito del processo sopra descritto:

      • Assistenza fornita da infermiere – Operatore Socio Sanitario – Assistente familiare;
      • Badante;
      • Trattamenti fisioterapici e rieducativi;
      • Visite specialistiche;
      • Accertamenti diagnostici;
      • Trasporto in Ambulanza;
      • Prestazioni erogate in regime di ricovero.

Il Fondo FASDA procederà con la prenotazione e autorizzazione,  delle suddette prestazioni, esclusivamente in strutture convenzionate  da Unisalute per il Fondo Fasda, non prevedendo il rimborso di alcuna spesa sostenuta.

Il Fondo FASDA provvederà a monitorare costantemente l’andamento del PAI, intervenendo eventualmente a sua modifica, in base ai riscontri ricevuti dall’Iscritto stesso e/o dalle strutture convenzionate  da UniSalute per il Fondo FASDA utilizzate per l’erogazione delle sopra elencate prestazioni.

Qualora, a seguito dell’esaurimento del limite di spesa mensile garantito, una prestazione rimanga a parziale o a  totale carico dell’Iscritto, è possibile usufruire tramite condivisione con il Case Manager e la Centrale Operativa, della prenotazione delle prestazioni sanitarie/assistenziali e l’invio alle strutture, prescelte tra quelle facenti parte delle strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA, di un fax che consentirà di ottenere l’applicazione di tariffe riservate agli Iscritti al Fondo FASDA con un conseguente risparmio rispetto al tariffario normalmente previsto.

Nel caso in cui il Fondo FASDA riconosca uno stato di non autosufficienza non ancora consolidato e suscettibile di miglioramento

Il Case Manager eseguirà una valutazione multidimensionale allo scopo di redigere il PAI, integrato con l’indicazione dei servizi assistenziali, se attivati,  forniti dagli Enti pubblici (Regioni, Comuni, ASL) e consegnerà all’Iscritto una guida orientativa, contenente informazioni rispetto al comune di residenza, risposte a quesiti  e a necessità espresse dall’Iscritto o dai familiari.

Qualora l’Iscritto necessitasse di una o più prestazioni tra quelle elencate al punto 1), il Fondo FASDA provvederà a prenotare tali prestazioni, il cui costo resterà a carico dell’Iscritto,  e invierà alla struttura prescelta tra quelle facenti parte delle strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA, un fax che permetterà allo stesso di ottenere l’applicazione di tariffe riservate agli Iscritti al Fondo FASDA con un conseguente risparmio rispetto al tariffario normalmente previsto.

Il Fondo FASDA provvederà a monitorare costantemente l’andamento del PAI, intervenendo eventualmente a sua modifica, in base ai riscontri ricevuti dall’Iscritto stesso e/o dalle strutture convenzionate  da UniSalute per il Fondo FASDA utilizzate per l’erogazione delle prestazioni previste al precedente punto 1).

Il Fondo FASDA si riserva la facoltà di sottoporre l’Iscritto ad ulteriori visite mediche allo scopo di monitorare le condizioni cliniche dello stesso.

Nel caso in cui, successivamente, il consolidamento dello stato di salute dell’Iscritto comporti il riconoscimento dello stato di non autosufficienza, il Fondo FASDA rimborserà le prestazioni precedentemente concordate e prenotate per tramite di UniSalute, nei limiti della disponibilità mensile.

Qualora invece le condizioni dell’Iscritto non rientrassero più nei parametri della non autosufficienza, tali prestazioni rimarranno a carico dell’Iscritto stesso.

Nel caso in cui il Fondo FASDA non riconosca lo stato di non autosufficienza

Lo stesso provvederà a darne comunicazione scritta all’Iscritto. Laddove il punteggio assegnato dal Fondo FASDA al termine dell’istruttoria risultasse essere  di almeno 30 punti, il Case Manager eseguirà una valutazione multidimensionale allo scopo di redigere il PAI, integrato con l’indicazione dei servizi assistenziali forniti dagli Enti pubblici (Regioni, Comuni, ASL) e consegnerà all’Iscritto una guida orientativa, contenente informazioni rispetto al comune di residenza, risposte a quesiti  e a necessità espresse dall’Iscritto o dai familiari.

Qualora l’Iscritto necessitasse di una o più prestazioni tra quelle elencate al punto 1), il Fondo FASDA provvederà a prenotare tali prestazioni, il cui costo resterà a carico dell’Iscritto,  e invierà alla struttura prescelta tra quelle facenti parte delle strutture convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA, un fax che permetterà allo stesso di ottenere l’applicazione di tariffe riservate agli Iscritti al Fondo FASDA con un conseguente risparmio rispetto al tariffario normalmente previsto.

Nel caso in cui l’Iscritto sia “assistito” presso una RSA

Qualora l’Iscritto sia “assistito” presso una RSA e pertanto non possa usufruire delle prestazioni previste al precedente punto 1), il Fondo FASDA provvederà a rimborsargli,  nei limiti del massimale previsto al paragrafo “Somma mensile garantita”, esclusivamente la retta mensile.

Riconoscimento dello stato di non autosufficienza consolidata/permanente da parte del Fondo FASDA

Entro 14 giorni da quando si presume siano maturate le condizioni di non autosufficienza l’Iscritto, il suo amministratore di sostegno, il tutore legale  o il familiare preposto alla cura dell’Iscritto, dovrà:

  1. chiamare il numero verde gratuito 800-009632 attivo tutti i giorni 24 ore su 24   (dall’estero numero non gratuito composto dal prefisso internazionale per l’Italia + 0516389048) e recepire le informazioni relative alla documentazione da produrre al Fondo FASDA ai fini della valutazione medica finale e ai servizi socio/sanitari disponibili.
  2. produrre il fascicolo di richiesta di apertura del sinistro, da spedire a: Fondo FASDA – presso UniSalute S.p.A. – servizi di liquidazione – via Larga, 8 – 40138 Bologna – a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Tale fascicolo deve contenere:
  • il modulo di attivazione della copertura compilato e firmato;
  • il modulo di informativa al cliente sull’uso dei suoi dati e i suoi diritti firmato in calce;
  • il certificato del Medico curante o del Medico ospedaliero che descrive lo stato di non autosufficienza dell’Iscritto e la relativa data d’insorgenza. Nel certificato dovrà, inoltre, essere precisata l’origine incidentale o patologica dell’affezione o delle affezioni. I resoconti di eventuali ricoveri ed il risultato degli esami complementari effettuati. In caso di deterioramento intellettuale dovranno essere prodotti precisi elementi descrittivi (test MMS di Folstein);
  • il questionario dello stato di non autosufficienza compilato dal Medico curante o ospedaliero in collaborazione con la persona o le persone che si occupano effettivamente dell’Iscritto;
  • Inoltre, qualora sia stata attivata una richiesta di riconoscimento dell’indennità di accompagnamento – invalidità civile al SSN è utile inviare copia della domanda stessa, della documentazione acclusa e del relativo esito;
  • Qualora l’Iscritto abbia sostenuto uno o più ricoveri, è necessario inviare al Fondo Fasda tutta la documentazione sanitaria in suo possesso, comprese le copie integrali delle relative cartelle cliniche.

Il Fondo FASDA ha la facoltà di sottoporre il cliente ad una o più visite medico legali.

Nel caso in cui l’Iscritto sia riconosciuto in stato di non autosufficienza, ma la situazione non risulti consolidata, il Fondo FASDA insieme all’esito comunicherà la rivedibilità specificandone la scadenza.

Il diritto dell’Iscritto al riconoscimento di quanto previsto dalla presente copertura, decorre dal momento in cui il Fondo FASDA considererà completa la documentazione richiesta per la valutazione della non reversibilità dello stato di non autosufficienza permanente dell’Iscritto.

Fermo restando che il riconoscimento dello stato di non autosufficienza verrà effettuato in base ai criteri previsti al punto “Definizione dello stato di non autosufficienza”, se l’Iscritto è mantenuto al suo domicilio e se beneficia delle prestazioni di un servizio di cure o di ricovero a domicilio, dovrà essere prodotta idonea documentazione sanitaria.

Fermo restando che il riconoscimento dello stato di non autosufficienza verrà effettuato in base ai criteri previsti al punto “Definizione dello stato di non autosufficienza”, se l’Iscritto è ricoverato in lunga degenza, dovrà essere presentato un certificato medico, redatto dal medico ospedaliero, da cui si desuma la data d’ingresso e le patologie che hanno reso necessario il ricovero. Anche in questo caso dovrà essere prodotta idonea documentazione sanitaria.

Tutta la documentazione, comprensiva del questionario compilato dal medico dell’Iscritto, dovrà essere inviata al Fondo FASDA.

Quest’ultimo, analizzata la suddetta documentazione, valuterà se:

  • richiedere ulteriori informazioni se gli elementi che descrivono la non autosufficienza dell’Iscritto sembrano insufficienti;
  • ritenere accertato lo stato di non autosufficienza dell’Iscritto;
  • riscontrare uno stato di non autosufficienza suscettibile di miglioramento, rimandando la valutazione alla stabilizzazione delle condizioni di salute.

Il Fondo FASDA avrà sempre la possibilità di fare verificare lo stato di non autosufficienza dell’Iscritto da parte di un Medico di propria fiducia e di condizionare la prosecuzione della liquidazione delle prestazioni in contratto all’effettuazione degli esami o accertamenti ritenuti necessari.

Un fascicolo già valutato con esito negativo circa la sussistenza dello stato di non autosufficienza potrà essere nuovamente esaminato dal Fondo FASDA quando il piano sanitario sia ancora in vigore e:

  • sia trascorso un periodo di almeno tre mesi dall’ultima valutazione;
  • siano stati inviati nuovi documenti sanitari contenenti elementi nuovi che giustifichino l’aggravarsi dello stato di salute dell’Iscritto intervenuti dopo l’ultima richiesta di valutazione.

Il diritto dell’Iscritto al riconoscimento di quanto previsto dalla presente copertura, con le modalità di cui all’articolo “Richiesta di erogazione dei servizi”  decorre dal momento in cui il Fondo FASDA considererà completa la documentazione richiesta per la valutazione della non reversibilità dello stato di non autosufficienza permanente dell’Iscritto.

Richiesta di erogazione di servizi

Il riconoscimento dello stato di non autosufficienza da parte del Fondo FASDA secondo le condizioni del punto “Definizione dello stato di non autosufficienza” dà diritto all’Iscritto che si trovi in stato di non autosufficienza, a richiedere l’erogazione delle prestazioni sanitarie e/o socio assistenziali per un valore corrispondente alla somma mensile garantita – entro i limiti previsti al punto “Somma mensile garantita” – nelle forme di seguito indicate e dettagliate nel successivo articolo “Erogazione diretta delle prestazioni sanitarie e/o socio assistenziali”.

Erogazione diretta delle prestazioni sanitarie e/o socio assistenziali

In caso di erogazione delle prestazioni di cui al punto 1), avvalendosi quindi di strutture e/o di personale convenzionati da UniSalute per il Fondo FASDA, la stessa provvederà a liquidare direttamente a tali soggetti le competenze per le prestazioni assistenziali autorizzate. Si precisa che qualora l’Iscritto opti per il pagamento diretto da parte del Fondo FASDA della badante, il contratto di assunzione della stessa dovrà comunque essere sottoscritto personalmente dall’Iscritto oppure, ove ciò non sia possibile, dal suo amministratore di sostegno o tutore legale o familiare preposto alla cura dell’Iscritto.

La struttura e/o il personale convenzionati non potranno comunque richiedere all’Iscritto né promuovere nei Suoi confronti azioni di rivalsa, salvo il caso di crediti relativi a spese per prestazioni non contenute nella presente copertura, eccedenti la somma mensile garantita o non autorizzate dal Fondo FASDA.

Accertamento del perdurante stato di non autosufficienza

Il Fondo FASDA si riserva la facoltà di procedere in ogni momento, eventualmente alla presenza del Medico curante dell’Iscritto, a controlli presso l’Iscritto e in particolare di farlo esaminare da un Medico di sua scelta. Potrà inoltre richiedere l’invio di ogni documento che ritenga necessario per valutare lo stato di salute dell’Iscritto.

In caso di rifiuto da parte dell’Iscritto di sottoporsi ad un controllo o d’inviare i documenti richiesti, il pagamento della somma mensile garantita potrà essere sospeso dalla data della richiesta del Fondo FASDA.

Prestazioni a tariffe agevolate

Qualora per una delle prestazioni appartenenti a una delle coperture sopra indicate non sia attivabile la copertura nel Piano sanitario per esaurimento del limite di spesa annuo o perché il costo della prestazione è inferiore al minimo non indennizzabile e rimanga a totale carico dell’Iscritto, è possibile richiedere comunque alla Centrale Operativa la prenotazione della prestazione e l’invio alla struttura, prescelta tra quelle convenzionate da UniSalute per il Fondo FASDA, di un fax che consentirà di ottenere l’applicazione di tariffe  riservate agli Iscritti con un conseguente risparmio rispetto al tariffario normalmente previsto.

Servizi di consulenza

In Italia

I seguenti servizi di consulenza vengono forniti dalla Centrale Operativa telefonando al numero verde 800-009632 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30.

Dall’estero

Occorre comporre il prefisso internazionale dell’Italia + 051.6389046.

a) Informazioni sanitarie telefoniche

La Centrale Operativa attua un servizio di informazione sanitaria in merito a:

  • strutture sanitarie pubbliche e private: ubicazione e specializ-zazioni;
  • indicazioni sugli aspetti amministrativi dell’attività sanitaria (informazioni burocratiche, esenzione ticket, assistenza diretta e indiretta in Italia e all’estero ecc.);
  • centri medici specializzati per particolari patologie in Italia e all’estero; farmaci: composizione, indicazioni e controindicazioni.

b) Prenotazione di prestazioni sanitarie

La Centrale Operativa fornisce un servizio di prenotazione delle prestazioni sanitarie garantite dal Piano nella forma di assistenza diretta nelle strutture sanitarie convenzionate con UniSalute.

c) Pareri medici 

Qualora in conseguenza di infortunio o di malattia l’Iscritto necessiti di una consulenza telefonica da parte di un medico, la Centrale Operativa fornirà tramite i propri medici le informazioni  e i consigli richiesti.

Le prestazioni del Piano sanitario sono garantite da